Detective Conan Wiki
Advertisement

Una donna diabolica (悪魔のような女 Akuma no yōna onna) è il capitolo 16 del manga Detective Conan.

Trama[]

Conan conclude dalle prove di cui sopra che Kenzo, Akira e Masami sono i rapinatori di banche da 10 miliardi di yen; dopo che Akira ha ucciso Kenzo, Masami deve aver ucciso Akira e poi partire con i soldi. Confermando che la morte di Akira è stata recente, Conan ricorda la donna sull'ascensore, che aveva il giusto numero di casi di forma simile e sembrava simile a Masami. Conan corre all'inseguimento, seguito da Ran, che ottiene loro un taxi per seguire il taxi di Masami dall'hotel al molo. Mentre vanno, Conan si rimprovera mentalmente di non essersi reso conto che lo sguardo stranamente cresciuto di Masami indicava un travestimento affrettato, e lo shock di Kenzo fu trovato dai partner che aveva pugnalato alla schiena. Ran e Conan perdono Masami al molo, ma continuano a guardare disperatamente.

Nel frattempo, Masami incontra Gin e Vodka, che la chiamano Akemi Miyano. Chiede perché i "sonniferi" le sono stati dati per dosare Akira con apparentemente ucciso, a cui Gin risponde che questo è il loro modo e poi chiede dove sono i soldi. Akemi si rifiuta di rivelare il luogo senza che rinunciassero a sua sorella, dal momento che aveva fatto il lavoro a condizione che entrambi potessero andarsene dopo. Gin risponde che sua sorella, in quanto "cervello superiore" nell'organizzazione, è troppo indispensabile per aver mai considerato di arrendersi. Akemi rifiuta l'offerta di Gin di un'ultima possibilità per rivelare la cache dei soldi.

Conan e Ran raggiungono Akemi proprio mentre cade per essere stata colpita, con l'unica prova che era presente qualcun altro è la pistola sul terreno vicino. Ran chiama l'ambulanza e la polizia e li guida sulla scena, lasciando Conan che cerca di salvare Akemi fino a quando non si rende conto in silenzio dalla pura quantità di sangue sulle sue mani che è troppo tardi. Di conseguenza, quando Akemi lo riconosce e gli chiede come sapeva dove fosse, le dice la verità del trasmettitore e la sua deduzione. Risponde alla sua domanda scioccata sulla sua identità con la verità di Shinichi Kudo, e lei gli racconta di come l'organizzazione dietro la sua morte si veste di nero, come i corvi. Con le sue ultime parole, dice a Conan dove trovare i soldi e lo prega di recuperarli prima che l'organizzazione possa prenderli. Muore proprio mentre Ran ritorna con aiuto. Solo le sue impronte digitali si trovano sulla pistola e dopo che i soldi sono stati recuperati, la polizia ha concluso che si è suicidata per colpa dei suoi crimini apparenti. Conan è l'unico a sapere il contrario, e giura di un giorno tirare gli uomini in nero dall'oscurità.

Advertisement