Detective Conan Wiki
Advertisement


La penna che non scrive (書けないペン Kakenai pen) è il capitolo 32 del manga Detective Conan.

Trama[]

Il regista Ochiai si tradisce

Il regista Ochiai si tradisce.

Quando sul signor Kubota viene trovata l'armatura di un cavaliere apparentemente ricoperta di sangue, il sospetto nei suoi confronti viene confermato e nessuno dubita più della sua colpevolezza. L' ispettore Megure spiega al sospettato tutti i sospetti contro di lui e gli chiede di confessare finalmente. C'è semplicemente troppo da dire contro di lui: l'armatura, il biglietto, la mancanza di un alibi e il movente del crimine. Solo Conan è certo che il colpevole debba essere qualcun altro. Per il momento, tuttavia, gli mancano le prove.

Passo dopo passo, rivede mentalmente il caso dal momento in cui il cartello "divieto di trasgredire" ha attirato la loro attenzione. Nella sua mente ricorda il video di sorveglianza.

Nel frattempo, Goro mostra pietà per l'armatura del cavaliere, ora completamente rovinata, ma viene rapidamente spiegato dal signor Iijima che si tratta solo di una replica per scopi decorativi. Conan capisce quindi perché il Direttore Ochiai non si è arrabbiato quando il signor Kubota è stato molto duro con l'armatura nel Capitolo 30 . Quando viene ulteriormente menzionato che fortunatamente nessuno dei reperti è stato danneggiato, il ragazzo nota che sebbene ci siano segni di dipinti sui muri, le opere d'arte stesse non sono più sul muro. Da ciò conclude che l'autore del reato deve averli appesi in anticipo.

Dopo ulteriori considerazioni, sa anche che il vero colpevole deve essere il signor Ochiai. Perché per rimanere indisturbato e poter incolpare il signor Kubota per il crimine, ha dovuto distrarlo e, secondo la dichiarazione di Kubota, lui stesso è stato incaricato dal direttore di svolgere alcuni compiti nell'ufficio prima del crimine.

Finge di aver urgente bisogno di andare in bagno e lo annuncia ad alta voce. Conan si rivolge al direttore Ochiai, che spiega la strada per il bagno. Il ragazzo ha poi detto che non avrebbe mai potuto ricordare questo percorso e che l'uomo avrebbe dovuto scriverlo per lui. Quando l'indirizzato prova a farlo, salta e Conan spiega che la penna probabilmente non funzionerà. Questo rende chiaro a tutti che il colpevole deve essere il signor Ochiai.

Con l'aiuto di Conan, Kogoro rivela finalmente la sequenza degli eventi a tutti: il Sig. Ochiai aveva preparato il biglietto e dato deliberatamente al Sig. Manaka una penna non funzionante in modo che sembri avesse scritto "Kubota" su di esso. L'autore dice alla vittima qualcosa del tipo "Guarda l'etichetta sul muro di fondo! C'è scritto il nome del tuo assassino!" hanno gridato. Da quel momento in poi, il signor Manaka sapeva che il colpevole doveva essere il signor Ochiai, poiché doveva aver riconosciuto la sua voce. Cerca di cancellare il nome sbagliato con la penna, ma scopre che la penna non funziona. Ciò ha causato dei graffi sulla carta e ha dato l'impressione che il signor Manaka abbia scritto lui stesso il nome. Dopo il fatto, il signor Ochiai ha scambiato le penne,

Dal momento che ora non vede via d'uscita, il signor Ochiai confessa il crimine e nomina il motivo come puro odio per la sua vittima, perché ha ignorato l'arte che amava così tanto. Ammette anche a se stesso che ora è diventato lui stesso il diavolo. Inoltre, questo risolve anche l'enigma dell'armatura del cavaliere errante notturno, poiché questo era anche il signor Ochiai, che si stava preparando per la sua impresa. Alla fine, viene portato via ridendo.

La mattina dopo è sul giornale che il maestro detective Goro Mori ha risolto un altro misterioso omicidio. Con la sua risata caratteristica, dice di essere il più grande detective di tutti i tempi.

Apparizioni[]

Personaggi primari[]

Personaggi secondari[]

Posti[]

Oggetti[]

  • La pittura della punizione del cielo
  • penna a sfera
  • Nota con il nome "Kubota"
  • armatura da cavaliere
Advertisement