Detective Conan Wiki
Advertisement

Le lacrime di Ran (蘭の涙 Ran no namida) è il capitolo 75 del manga di Detective Conan.

Trama[]

Dopo una prima reazione di shock, Ran attacca immediatamente il barone notturno con un potente calcio di karate, ma in qualche modo il barone notturno schiva e scappa. Conan cerca di convincerla a inseguire, ma Ran e Akiko sono entrambi sbalorditi dall'immobilità finché non è troppo tardi. Vanno a dire a Goro cosa è successo, e scoprono anche che il costume è stato rubato dal corpo di Ebara ma ora è apparso nella piscina, cappello, maschera, parrucca e mantello. Conan si chiede se questo aspetto non sia stato pianificato mentre la polizia interroga di nuovo tutti e scopre che tutti stavano nella loro stanza secondo le istruzioni, quindi nessuno ha un alibi. Perfino Maeda non è confermato, poiché sono tornati indietro senza andare nella stanza di Akiko e Maeda. Le stanze vengono cercate, iniziando con le loro; Conan nota dal balcone che sono un po 'più in basso e a destra della stanza di Ebara. Nota la posizione, infastidito di aver perso la sua penna stilografica di alta qualità, mentre all'interno di Yokomizo trova dei sonniferi appartenenti ad Akiko ma nulla di sospetto.

Nella stanza di Kaneshiro e Shizue, Conan vede che la stanza di Ebara era direttamente sopra, ma è difficile prendere appunti con tutto il vento che scorre veloce. Goro è infastidito dalla presenza di Conan fino a quando Conan non dice che sta studiando le abilità investigative di Kogoro. Kaneshiro menziona che Konno ha motivi per volere il virus dopo aver manomesso i computer nella propria banca. Tuttavia, nella sua stanza, Konno dice che Kaneshiro odia il barone notturno perché suo figlio è morto a causa di "un virus". La camera di Konno era la più vicina a quella di Ebara, ma impossibile da raggiungere dal balcone di Ebara. Konno dice anche che Hideko era la moglie di Ebara, che lei conferma con riluttanza ma che ha divorziato da lui dopo aver scoperto che era un hacker di computer. Ha anche detto che il fratello maggiore di Akiko aveva una piccola società di software: ognuno ha un motivo.

Conan nota le pillole proprio come quelle di Akiko; Hideko si agita quando chiede di loro e dice che sono pillole fredde. Conan non ha la possibilità di controllare la sua finestra, ma è direttamente sopra Konno, lasciando Kaneshiro e la stanza di Shizue come l'unica stanza raggiungibile dal balcone di Ebara. Mentre consulta la sua mappa-schizzo, passa due ufficiali a guardare i resti della serratura antifurto e trova del nastro adesivo attaccato alla punta, una rivelazione scioccante.

Nella loro camera d'albergo, Ran si siede miseramente sul letto con la consapevolezza che solo una certa persona avrebbe potuto bloccarla come faceva il Barone notturno. Incerta su cosa fare con la conoscenza, desidera che Shinichi le dica cosa fare. Un bussare alla porta la interrompe; apre la porta fino a quando la serratura antifurto consente di trovare Conan, che dichiara il suo esperimento riuscito perché non ha chiuso la serratura da sola. Si accorge del suo viso e le chiede se stesse piangendo, ma lei lo spegne mentre sbadiglia e Conan scappa di nuovo. Finisce nello stesso ascensore dei due poliziotti e mentre medita sui sospetti sente che l'ufficiale che stava proteggendo il corpo di Ebara e sopraffatto era lui stesso un forte praticante del karate. Come Ran prima, Conan si chiede improvvisamente se l'identità del Barone della notte possa, in effetti, essere il campione di karate Satoru Maeda.

Advertisement