Detective Conan Wiki
Advertisement

Mistero al museo (美術館オーナー殺人事件 Bijutsukan ōnā satsujin jiken) è l'episodio 8 dell' anime Detective Conan.

Trama[]

Ochiai si presenta a Conan, Ran e Kogoro

Ochiai si presenta a Conan, Ran e Goro.

All'inizio dell'episodio, vedi due guardiani notturni in un museo, che sembrano aver paura di vegliare di notte. Poco dopo sentono uno strano rumore e guardano immediatamente. Completamente inorriditi, vedono una persona che indossa un'armatura cavalleresca e regge una spada.

Il giorno successivo, Ran disse a Conan che due guardie del museo vedevano armature viventi. Ecco perché vorrebbe andare al museo per avere una visione d'insieme. Tuttavia, Conan e Goro ne ridono e dicono che questo è solo un trucco per attirare visitatori. Ran prevale ancora e costringe i due ad andare. Nel museo incontrano il direttore del museo il signor Ochiai . Viene brevemente turbato dall'impiegato Kubota , che sta toccando un dipinto senza guanti. Poi appare il signor Manaka, il nuovo proprietario del Museo Beika, che prevede di chiudere il museo tra dieci giorni. Conan nota che Kubota tratta un oggetto d'arte con molta noncuranza. Questa volta, tuttavia, il regista non lo rimprovera.

Il corpo viene scoperto

Il corpo viene scoperto.

Conan, Ran e il loro padre danno un'occhiata alle altre stanze del museo. Ran nota un cartello in un corridoio che proibisce loro di entrare nella "Stanza dell'Inferno". Quando tornano più tardi, questo segno non è più lì. Quindi entrano nella stanza buia. In esso, tra le altre cose, è esposto un dipinto intitolato "La punizione del cielo". Rappresenta il cavaliere della giustizia che sta per uccidere un diavolo. All'improvviso sentono uno schizzo e scoprono il corpo del signor Manaka, che è stato pugnalato con una spada.

Su una videocassetta puoi vedere un'armatura che attacca la vittima

Su una videocassetta puoi vedere un'armatura che attacca la vittima.

Poco dopo è presente anche la polizia con il commissario Megure . Dalla registrazione della telecamera di sorveglianza, vedono che il signor Manaka deve aver aspettato qualcuno prima di essere attaccato da un cavaliere con una spada. Quando interrompono la registrazione, Conan e Kogoro notano che la scena è stata messa in scena esattamente come mostrato nel dipinto "La punizione del cielo". Ran dice che il cartello nel corridoio era lì verso le quattro e scomparve alle cinque. Quindi Megure giunge alla conclusione che l'omicidio deve essere avvenuto intorno alle quattro e mezza. Dato che l'assassino deve conoscere bene il museo, solo i dipendenti il signor Kubota, il signor Iijima e il regista Ochiai sono possibili assassini.

Conan fa notare che nella registrazione del video il signor Manaka scrive qualcosa su un cartello che aveva precedentemente strappato dal muro, ma poi lo accartoccia di nuovo immediatamente. Puoi trovare lo scudo nella mano del corpo. Il nome Kubota è su di esso. Quindi Goro conclude che il signor Kubota, travestito da cavaliere, deve aver ucciso il signor Manaka. Questo dice che ha lavorato da solo nel suo ufficio al momento del crimine. Ciò è confermato anche dal regista. Conan non crede nemmeno che Kubota abbia commesso l'omicidio, dal momento che non sembra preoccuparsi degli oggetti d'arte. Non avrebbe quindi messo in scena un omicidio che ha ricreato la scena da un dipinto.

Conan ricorda al Commissario Megure la penna a sfera

Conan ricorda al Commissario Megure la penna a sfera.

Conan trova anche la penna usata dal signor Manaka dietro la statua di un cavaliere. Quindi controlla di nuovo il video nella sala video e nota diverse cose. Innanzitutto, il signor Manaka sembrava molto sorpreso quando ha letto il cartello dopo averlo strappato dal muro. Inoltre, getta semplicemente via la penna e attira di nuovo l'attenzione dell'assassino. Inoltre, la ricarica della penna non è stata estesa quando Conan l'ha trovata. La vera scena del crimine diventa chiara per Conan e ha risolto l'omicidio.

Conan finge di essere urgentemente in bagno. Chiede quindi al direttore di segnare la strada per i bagni sulla sua mappa del museo. Questo si rivela, perché la penna del regista è vuota. Ha sostituito la penna dopo aver saputo che il signor Manaka stava cercando di cambiare il messaggio sull'insegna a muro. L'omicidio avrebbe dovuto essere incolpato di Mr. Kubota, perché il segno era già stato etichettato con il nome Kubota prima che Manaka strappasse il segno. Ciò può essere dimostrato dai graffi sullo scudo. Lo scambio stesso viene notato perché dopo la modifica l'autore si dimentica di scacciare la ricarica della penna sostituita. Il signor Ochiai confessa quindi l'omicidio. Conan in seguito lo dice ai Giovani Detective il museo fu salvato dalla demolizione a causa di molte proteste.

Apparizioni[]

Personaggi primari[]

Personaggi secondari[]

Posti[]

Advertisement